mercoledì 7 luglio 2010

Come farai l'orario scolastico?

Condividi questo articolo
Se ti va di discutere su questo argomento lascia un commento.


6 commenti:

  1. Non potevo che votare: "Utilizzando un software convinto che sia la scelta migliore"

    E' vero, a mano non sarei in grado di farlo, ma è anche vero che vedo innumerevoli vantaggi nell'uso di un software, soprattutto la flessibilità rispetto a cambiamenti in corsa. Cambia un vincolo, un professore, una condizione qualsiasi, ed in poco tempo ho un nuovo orario.

    RispondiElimina
  2. Invece io ho votato per la seconda opzione perchè non esiste un programma per l'orario che tenga conto della mancanza delle aule (l'anno scorso 7), della dislocazione della scuola su tre plessi, del fatto che la palestra non c'è ma la mette a disposizione un'altra scuola in alcune ore di alcuni giorni settimanali, della presenza in orario di docenti su due e anche tre scuole ecc...
    Comunque complimenti per l'interessante sito e per la passione per l'insegnamento che condivido pienamente. Fossero tutti così i docenti...
    Mara Morelli

    RispondiElimina
  3. Sicuramente un orario complicato, Mara.

    Le difficoltà che hai elencato, tuttavia, sono gestibili con vincoli previsti da FET (se si esclude la scelta - politica più che tecnica - delle sette classi da piazzare in orario pomeridiano / serale)

    Se vuoi fare un tentativo con questo programma sono felice di collaborare per vedere come ce la fa a risolvere!

    RispondiElimina
  4. Rispondo dopo la pausa estiva durante la quale ho spento cervello (vabbè, è stato facile, ho un solo neurone), e computer.

    Grazie per i complimenti, Mara.

    Mi sembra, come dice Marco (che saluto), che alcune delle cose che hai scritto siano gestibili da FET direttamente.

    Mancanza delle aule: si decide una politica (doppi turni, etc...) e poi si vede come implementarla;

    Problema della dislocazione della scuola su tre plessi: basta definire tre edifici;

    La palestra non c'è ma la mette a disposizione un'altra scuola in alcune ore di alcuni giorni settimanali: note lo ore della settimana in cui uno ha a disposizione la palestra può mettere dei vincoli sulle ore non disponibili di un'aula;

    Presenza in orario di docenti su due e anche tre scuole: dopo essersi messi d'accordo con le altre scuole sulle ore di disponibilità dell'insegnate si aggiungono vincoli di ore non disponibili per insegnanti

    Però è indubbiamente vero: a meno di non prevedere un editor di vincoli e/o di non dare la possibilità all'utente di creare vincoli nuovi è impossibile che un software tenga conto di tutte i possibili bisogni di tutte le possibili scuole!!!

    Se si desse all'utente un'opportunità del genere il programma per fare l'orario diverrebbe molto simile ad un linguaggio di programmazione più o meno ad alto livello... almeno credo. Ad esempio, per FET, sarebbe bello se si potessero fare operazioni logiche tra i vincoli, per esempio l'"OR" tra più vincoli (deve essere vero ALMENO UNO di una serie di vincoli) o il "NOT" di un vincolo (una determinata condizione NON deve verificarsi), o magari operazioni di controllo tipo "IF THEN ELSE" (SE si verifica una condizione ALLORA fai una certa cosa, ALTRIMENTI fanne un'altra).
    Purtroppo non credo che sia una cosa facilmente implementabile in FET, anzi potrebbe essere proprio impossibile.

    D'altra parte è una vita che cerco di adattare software che ho a fare quello che vorrei. E' una cosa che non mi piace, di cui non mi ricordo se ho parlato in tutti gli articoli che ho scritto in questo blog. Il trucco sta nel cercare vincoli più stringenti che contengano i vincoli che il software non prevede.

    Esempio stupido non scolastico: in un insieme di 100 persone vuoi essere sicura di selezionare una persona che abbia più di 64 anni e hai a disposizione solo un vincolo del tipo:

    Prendi un individuo che ha più di n*10 anni

    Scegli n uguale a 7 e ottieni

    Prendi un individuo che ha più di 70 anni

    Hai tagliato fuori un po' di soluzioni possibili, tutti quelli da 64 a 69 anni, però sei sicura di selezionare una persona che ha più di 64 anni.

    Non mi piace come tecnica, ma alle volte è l'unica. Non mi piace perché in un problema complesso con già migliaia di vincoli noi ne aggiungiamo alcuni superflui, rischiando di non trovare una soluzione anche se questa dovesse esistere.

    Nel nostro casa pensa se 90 persone avessero un'età compressa tra 1 e 63 anni, 10 persone un'età compresa tra 64 e 69 anni e nessuna sopra i 70. Il nostro problema avrebbe dieci soluzioni, ma il nostro vincolo non ci permetterebbe di trovarle.

    Ti saluto e ti ringrazio ancora per aver lasciato un messaggio nel blog: spero di non averti annoiato con cose per te ovvie!!!

    RispondiElimina
  5. l'articolo mi sembra interessante, ne ho stampato una parte ^_^ lascio il commento perchè vorrei un parere...se è possibile e ti ringrazio comunque. Nel tempo prolungato della secondaria 1^ grado, al pomeriggio, sono previste solo ita e mate? non è un pomeriggio indigesto? anche se eviti la lezione frontale, la stessa solfa due volte alla settimana mi sembra pesantuccio...le colleghe delle "educazioni" sostengono che è così, ma io nutro molti dubbi; e la normativa non mi sembra chiarificatrice. Help me! [mi chiamo Nella e insegno mate]

    RispondiElimina
  6. Ciao Nella e grazie per aver lasciato un commento.

    Purtroppo sono molto a digiuno di normative. Questa è una di quelle cose che dovrebbe sapere/decidere il Dirigente Scolastico!

    Sorry

    Fabio P

    RispondiElimina

Che ne pensi di questo articolo, ti è piaciuto? Lo trovi interessante? Oppure ti sembra completamente inutile? Hai trovato errori o imprecisioni?

La moderazione, non è attiva, mi riservo il diritto di farne uso in particolari momenti, situazioni o contesti.

Articoli corrlati